Esprimiamo solidarietà alle lavoratrici e ai lavoratori iscritti alla #CGIL, l’assalto alla sede romana da parte dei fascisti di forza nuova e casapound, con relativa occupazione e devastazione, è di una gravità senza precedenti.

Da anni sosteniamo che la presenza di gruppi neofascisti venga tollerata e coccolata da partiti come la lega e fratelli d’Italia (inchiesta Fanpage.it docet), sottovalutata dalle istituzioni e da chi dovrebbe tutelare l’ordine pubblico. Evidente che qualcosa da questo punto di vista ieri non ha funzionato o non ha voluto funzionare, troppo facile arrivare ed entrare alla CGIL.

Mentre si sgomberano centri sociali, l’ultimo per cronologia ieri a Genova (CSOA Terra Di Nessuno) e si reprimono gli antifascisti, un nostro attivista è stato recentemente condannato per aver dato del fascista ad un esponente di fratelli d’Italia, la sede romana di casapound ed i topi di fogna che la frequentano restano impuniti.

L’attacco di ieri rappresenta un ulteriore segnale di come i neofascisti si siano radicati nelle periferie metropolitane e cresciuti sull’onda delle mobilitazioni no-vax.

Pur essendo critici sull’ introduzione del green pass, misura non sanitaria ma politica, che a nostro giudizio è un’arma di “distrazione di massa” utilizzata per esercitare una potente e generalizzata pressione sulle lavoratrici e sui lavoratori verso il vaccino attraverso il ricatto del lavoro creando contrapposizioni tra lavoratori che non ci appartengono.

Una misura che appunto distrae la massa dall’attuale inaccettabile mancanza di copertura economica da parte del governo per i periodi di quarantena e che ci distrae, appunto, dalle reali esigenze di sanità, scuola e trasporto pubblico.

Ricordiamo che domani, lunedì 11 ottobre, le maggiori organizzazioni del sindacalismo conflittuale e di base hanno indetto uno sciopero generale contro la politica del governo Draghi e per la tutela dei diritti nel mondo del lavoro con cortei in molte città italiane, per noi l’appuntamento è in P.za Puccini a Firenze ore 10.

Pur avendo una concezione molto diversa del fare sindacato esprimiamo completa solidarietà a CGIL per l’attacco di stampo squadristico subito ieri consapevoli che solo con la pratica dell’Antifascimo militante si possa ricacciare i fascisti e chi li sostiene nelle fogne!

Cobas ATI/Cobas Empoli-Valdelsa

CSA Intifada/Comunitàinresistenza Empoli

Empoli antifascista